• Spedizione gratuita da € 29

  • Consegna in 1-3 giorni

  • garanzia di rimborso 60 giorno

Prevenzione dei sintomi di burnout

Burnout: tutto su fatti, sintomi e prevenzione per la sindrome da stanchezza

Trattare un burnout grave e sbarazzarsene può essere molto noioso. Non si possono escludere danni permanenti alla salute. Pertanto la prevenzione e l'azione precoce sono all'ordine del giorno. Dovresti conoscere questi fatti sul burnout in modo da poterlo riconoscere il più rapidamente possibile o, nel migliore dei casi, non trova mai la sua strada nella tua vita.

Cos'è il burnout?

Il burnout descrive una combinazione di esaurimento emotivo, spersonalizzazione e riduzione delle prestazioni personali causate dallo stress cronico. Finora, tuttavia, c'è una definizione altrettanto chiara di burnout quanto i criteri generalmente riconosciuti per una diagnosi chiara.

Puoi pensare alla spersonalizzazione come a una sorta di disumanizzazione. La persona affetta tratta sempre più le altre persone come oggetti e si sente indifferente nei loro confronti. Molto spesso, la spersonalizzazione nasce a causa dell'esaurimento emotivo.

Di regola, i tre sintomi di esaurimento emotivo, spersonalizzazione e prestazioni ridotte devono unirsi per parlare di burnout. La maggior parte degli esperti vede anche lo stress professionale permanente come un'ulteriore condizione per la diagnosi del burnout. Le persone di grande successo sembrano essere particolarmente colpite dal fenomeno del burnout.

Come si adattano il successo e le prestazioni ridotte nei pazienti affetti da burnout?

Le prestazioni ridotte non devono necessariamente essere riconoscibili agli altri. È sufficiente che tu debba semplicemente fare uno sforzo maggiore a lungo termine per ottenere le stesse prestazioni di prima. All'esterno, qualcuno può avere molto successo, ma dentro è ancora molto insoddisfatto.

Questa insoddisfazione può quindi essere un buon terreno fertile per il burnout. Il livello di stress aumenta enormemente a causa dell'insoddisfazione. Gli sforzi della persona interessata stanno diventando sempre più grandi per raggiungere finalmente la soddisfazione. Il problema, tuttavia, è che nessuna quantità di successo porta questa soddisfazione. Quindi si lavora ancora e il circolo vizioso di stress, esaurimento emotivo e prestazioni ridotte prende il suo corso.

Definizione di burnout

Perché il burnout non è una malattia?

In medicina, gli esperti non sono d'accordo sul fatto che il burnout debba essere considerato una malattia a sé stante. Finora non è stato così. È accettato che il burnout abbia un certo valore di malattia. Alcuni vedono una chiara distinzione dalla depressione e quindi interpretano il burnout come una malattia indipendente, mentre altri vedono il burnout come una forma speciale di depressione.

Poiché il numero di segnalazioni sul burnout è aumentato negli ultimi anni, il fenomeno del burnout appare sotto una luce completamente diversa. Il burnout sta quasi diventando una moda passeggera. Questo può anche avere vantaggi per le persone colpite. Il burnout è più riconosciuto nella società della depressione, quindi la vergogna è di conseguenza minore. D'altra parte, c'è il rischio che la diagnosi possa andare troppo rapidamente nella direzione del burnout e che la depressione o altre malattie mentali non vengano rilevate. Poiché le terapie sono abbastanza diverse, da questo può svilupparsi un problema completamente diverso.

Qual è la differenza tra burnout e depressione?

La più grande differenza tra burnout e depressione è probabilmente la sensazione di base da cui provengono tutti gli altri sintomi. Nel burnout è insoddisfazione, nella depressione è tristezza.

Alcuni esperti vedono la causa dell'insoddisfazione per il burnout inevitabilmente nel lavoro. Pertanto, usano la caratteristica dello stress da lavoro per distinguere tra burnout e depressione. Altri esperti, invece, disegnano cerchi più ampi nella ricerca della causa. Secondo loro, l'insoddisfazione può avere un'origine molto diversa dal lavoro. Un vecchio problema dell'infanzia che non è stato ancora elaborato potrebbe persino essere la radice del male.

Tuttavia, poiché la vita professionale costituisce una parte cruciale della vita e porta con sé sfide speciali, il problema del burnout si pone senza dubbio molto spesso in connessione con l'insoddisfazione professionale. Inoltre, molte delle persone colpite cercano di risolvere il problema reale attraverso il loro lavoro. È anche vero che è molto probabile che qualcuno che è molto soddisfatto del proprio lavoro venga risparmiato dal burnout.

Tuttavia, esiste una chiara sovrapposizione tra burnout e depressione, il che spesso rende difficile una corretta diagnosi. Una mancanza di sentimenti di gioia, lussuria e piacere, così come uno stato d'animo depresso, irritabile e senza gioia definisce la depressione. I fattori scatenanti della depressione sono lo stress cronico e insolubile e l'impossibilità di svolgere un'attività soddisfacente.

Come puoi prevenire il burnout?

La priorità assoluta per prevenire il burnout è: prenditi cura di te stesso! Una dieta equilibrata, abbastanza sonno e un po 'di esercizio sono un ottimo punto di partenza per prevenire il burnout. Ma non è tutto. Devi ascoltare te stesso e sapere cosa vuoi e cosa ti soddisfa veramente.

Ama la tua vita qui e ora e non vedere una vita soddisfatta come un obiettivo futuro che devi ancora raggiungere. La gestione del tempo e l'equilibrio tra lavoro e vita privata ti aiuteranno, ma non sono l'unico mezzo per combattere il burnout.

Prevenzione del burnout

Cosa puoi fare se la pressione diventa troppo grande?

Anche se la pressione viene interamente dall'esterno, puoi fare qualcosa al riguardo. In tali situazioni dovresti essere in grado di dire "no". Tu stesso sai meglio dove sono i tuoi limiti, ma devi anche rispettarli. Soprattutto, non puoi aspettarti di dover soddisfare tutto ciò che ti viene imposto. Questo è spesso accettato più dagli altri che da se stessi, non fare qualcosa in questo caso non è una debolezza, anzi, è una forza. Perché ci vuole coraggio e potrebbe essere necessario prima impararlo.

A volte è semplicemente utile parlare presto dello stress e trovare soluzioni insieme. Premiare te stesso può anche aumentare e mantenere l'apprezzamento del tuo lavoro. Puoi anche imparare tecniche di rilassamento e strategie di gestione dello stress in modo che il burnout non abbia alcuna possibilità per te.

Si consiglia inoltre di conoscere i vari sintomi e rischi del burnout. Se lo confronti consapevolmente e onestamente con la tua vita, puoi riconoscere il pericolo abbastanza presto e agire in modo appropriato.

Tecniche di rilassamento del burnout

Lo sport può davvero aiutare contro il burnout?

Gli scienziati attestano che l'esercizio fisico e lo sport hanno un effetto positivo nella prevenzione e nel trattamento del burnout.1 Hanno teorie diverse sul motivo per cui l'esercizio fisico aiuta a prevenire o addirittura ad alleviare il burnout. L'esercizio fisico potrebbe rendere più facile ottenere altri pensieri e lasciar andare lo stress mentalmente.

L'esercizio fisico potrebbe anche aiutare ad aumentare l'autostima. Questo potrebbe farti sentire più competente e i tuoi compiti sul lavoro saranno più facili. Le attività sportive possono anche aiutare il tuo corpo ad affrontare meglio lo stress. L'esercizio influisce anche sull'equilibrio dei neurotrasmettitori. Principalmente i neurotrasmettitori serotonina e dopamina darti sentimenti di felicità e più spinta e motivazione attraverso l'esercizio.2 Perché dopamina e Aumenta i livelli di serotonina, di conseguenza il tuo umore aumenta, il che ti fa sentire più energico. Ovviamente non dovresti esagerare con lo sport, perché poi degenererebbe in stress e sarebbe controproducente per quanto riguarda il burnout.

Quali effetti può avere la dieta?

Per evitare il burnout, alcuni cibi possono aiutarti a rilassarti e ad affrontare lo stress. Questo può aiutarti a prenderti cura del tuo equilibrio interiore e ad avere una migliore presa sui problemi del sonno.

Studi scientifici, ad esempio, attribuiscono un effetto di riduzione dello stress al fungo Reishi della medicina tradizionale cinese.3, 4 Puoi anche ottenere l'equilibrio della serotonina in modo naturale e aumentare così il tuo benessere. Secondo i ricercatori, questo è con L-triptofano Possibile da cioccolato, semi di fagiolo nero africano, tè verde e curcuma5, 6, 7, 8.

Gli esperti ritengono che la melissa, la camomilla, la passiflora e il luppolo siano calmanti.9, 10, 11, 12 Di conseguenza, dovrebbero persino essere in grado di aiutarti a dormire bene la notte. Dopotutto, dormire a sufficienza è essenziale per recuperare e contrastare lo stress.

Come riconosci il burnout?

I segni di burnout sono:

  • cronico fatica
  • esaurimento mentale e fisico
  • Mancanza di energia
  • Perdita di motivazione
  • Disprezzo per il proprio lavoro
  • la sensazione di inutilità e fallimento
  • ritiro sociale
  • insoddisfazione generale
  • richieste eccessive croniche
  • crescente indifferenza verso le altre persone
  • essere costantemente stressati

Se ti chiedi costantemente perché stai effettivamente facendo quello che stai facendo e allo stesso tempo hai pensieri come "Non posso più" o "Non posso più prenderlo" come compagno costante, potresti ritrovarti in un esaurimento. Se anche tu ti ritiri sempre più socialmente, sarebbe opportuno agire rapidamente.

Quanto sei in pericolo?

Il burnout può sostanzialmente colpire chiunque sia costantemente sotto stress e non può più compensarlo e affrontarlo. Tuttavia, le persone particolarmente a rischio che si pongono ripetutamente obiettivi eccezionalmente alti e non possono valutare realisticamente la raggiungibilità di questi obiettivi. L'instabilità emotiva favorisce anche lo sviluppo del burnout.

Le persone appartenenti a gruppi professionali che aiutano altre persone sono molto spesso colpite. Ciò include sia le professioni mediche che quelle sociali. Le persone colpite hanno spesso una sindrome dell'aiutante e cadono nella trappola del burnout a causa della loro dipendenza dall'aiuto. Anche altre forme di instabilità emotiva come il narcisismo o il perfezionismo sono spesso legate al burnout.

Prevenire il burnout

Come funziona il burnout?

Il burnout non è una condizione acuta, ma un processo che spesso si sviluppa nel corso degli anni. Il processo di burnout di solito inizia con un livello di impegno molto elevato, seguito da prestazioni fisiche e mentali ridotte. Il più a lungo possibile, le persone colpite cercano di compensare questo con uno sforzo ancora maggiore.

Inoltre, trascurano sempre più se stessi: da un lato ne derivano problemi di sonno, cattive abitudini alimentari e ritiro dalle relazioni sociali, dall'altro aumentano lo stress e l'ulteriore calo delle prestazioni.

Aumentano le richieste eccessive, l'indifferenza verso gli altri e il ritiro sociale. Ad un certo punto l'interessato si trova in una spirale discendente dalla quale non può più uscire da solo. Se all'inizio sorgono solo problemi sul lavoro, anche la vita privata ne risente costantemente nel corso del processo di burnout. Allo stesso tempo, aumenta la suscettibilità alle malattie.

I problemi non vengono riconosciuti, ma negati. Possono verificarsi un cambiamento di personalità e un'auto alienazione. Le persone colpite funzionano e si sentono vuote dentro. Il burnout può trasformarsi in completa apatia e depressione. Nella fase finale, il burnout è come un'emergenza, che deve poi essere trattata in modo professionale al più tardi.

Il burnout ha effetti sulla salute

Quali sono le conseguenze sulla salute del burnout?

Il burnout non si limita alla psiche. La debolezza fisica e le malattie organiche possono essere una conseguenza del burnout o almeno sono strettamente correlate al burnout. Uno studio generale ha incluso le seguenti malattie e le loro conseguenze sulla salute:13

  • Diabete di tipo 2
  • malattie cardiovascolari
  • Dolore muscoloscheletrico
  • Cambiamenti nel modo in cui provi dolore
  • mal di testa
  • disturbi gastrointestinali
  • Problemi respiratori
  • lesioni gravi
  • aumento della mortalità tra i minori di 45 anni

Secondo gli scienziati, alcune di queste malattie possono essere ricondotte a un disturbo dell'equilibrio del cortisolo. L'ormone dello stress Cortisolo ti assicura di andare al mattino e di avere abbastanza guida per le tue attività quotidiane. Tuttavia, se il livello di cortisolo è permanentemente troppo alto, il risultato sono tali malattie, problemi di sonno e prestazioni generali scadenti.

I pazienti affetti da burnout differiscono significativamente nei livelli di cortisolo da quelli sani. Ci sono anche segni che il livello di cortisolo cambia a seconda della gravità del burnout. Questo può essere troppo alto all'inizio e inferiore a quello delle persone sane nelle ultime fasi del burnout, soprattutto al mattino. Il basso livello di cortisolo potrebbe quindi essere in parte responsabile dell'apatia dei pazienti affetti da burnout.14, 15, 16

Chi aiuta con il burnout?

Se ti senti esausto, dovresti cercare l'aiuto di un esperto il prima possibile. Senza psicoterapia o equivalente CoachÈ quasi impossibile sfuggire da soli a questa spirale discendente di burnout. Prendersela comoda è difficile da fare con sintomi come questo.

Pertanto, dovresti cercare di non lasciare che si verifichi il burnout in primo luogo. Cambia la tua vita in tempo utile e finché è ancora nelle tue mani, se ti consideri a rischio di esaurimento in linea di principio. Non c'è niente di sbagliato nel cercare un aiuto professionale il prima possibile. La psicoterapia non è una vergogna. Il cervello come sede della psiche è fondamentalmente solo un organo che, come qualsiasi altro, può ammalarsi.

Swell

1.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28993574
2.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22504906
3.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17383716
4. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK92757/
5. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4737446/
6. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3218476/
7.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17182482
8.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23035031
9.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27167460
10.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16628544
11.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10930722
12.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19865069
13.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28977041
14.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16569117
15.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25433974
16. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4313581/

 

*La vitamina B6 contribuisce al normale funzionamento del sistema nervoso e alla normale funzione psicologica. La vitamina B12 contribuisce alla normale funzione psicologica e al normale metabolismo energetico.

*La melatonina aiuta ad alleviare la sensazione soggettiva del jet lag. La melatonina aiuta a ridurre il tempo necessario per addormentarsi. ²Il magnesio contribuisce al normale metabolismo energetico e alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento.